R&A Consulting
R&A Consulting

Profili penali e regolamentari dell’erogazione del credito

La tutela del patrimonio e l’affidamento delle imprese in crisi

DESTINATARI: responsabili dell’area credito, preposti e direttori di filiale, responsabili dei controlli delle Casse Rurali e delle BCC.

DURATA: 1 giornata

OBIETTIVI:

  • I reati e le responsabilità penali in materia bancaria che emergono nell’ambito dell’attività di affidamento
  • Le questioni riguardanti i finanziamenti di parti correlate e la risoluzione dei conflitti di interesse
  • La rilevanza dei reati fallimentari in relazione alla conduzione dell’impresa affidata
  • L’allocazione delle risorse e la prevenzione degli abusi in materia creditizia
  • Le sanzioni dell’Organo di Vigilanza.


CONTENUTI:
  • Le caratteristiche dei reati bancari di abusivismo, delle infedeltà e dei reati relativi ai funzionari interni all’istituito di credito. Il contrasto attuato dal legislatore mediante l’attribuzione della responsabilità penale nei confronti di chi esercita l'attività bancaria o finanziaria senza osservare la normativa vigente
  • L'obiettivo della legge e la salvaguardia della fiducia dei risparmiatori e dei soggetti coinvolti nei rapporti finanziari: la prevenzione di reati patrimoniali e la manipolazione del sistema finanziario anche a scopo di riciclaggio
  • Esponenti bancari (cfr.art.136 TUB) e comportamenti non conformi alla legge
  • Esame della normativa inerente personale bancario, amministratori e dirigenti che al fine di realizzare benefici personali, forniscono dolosamente notizie e dati falsi sulla situazione economica e finanziaria di imprese già affidate o interessate all’ottenimento di credito bancario (mendacio e falso interno)
  • Il diritto penale fallimentare. Il reato di bancarotta fraudolenta e quello di bancarotta semplice, così come disposto dagli art. 216 e217 del Regio Decreto 16 marzo 1942 n. 267
  • Gli illeciti commessi in un contesto economico caratterizzato dal dissesto dell’impresa che oltretutto procurano gravi pregiudizi ai singoli creditori come anche all’intera collettività
  • Le fattispecie riguardanti il ricorso e la concessione abusiva del credito
  • Natura e operatività dell’attività di Vigilanza Ispettiva
  • Le norme e i regolamenti che disciplinano l’attività ispettiva svolta dagli Organi di Vigilanza
  • Sanzioni amministrative e responsabilità civili e penali vigenti
  • I mutamenti dell’orientamento giurisprudenziale


MODALITÀ DIDATTICHE: lo svolgimento del corso prevede la partecipazione attiva alle spiegazioni dei principi giuridici che regolano tali problematiche e l’analisi di casi specifici volta all’ottenimento di una interpretazione concreta delle fattispecie. In particolare verranno individuati gli elementi essenziali che contraddistinguono i reati, i soggetti coinvolti e le particolarità relative a ciascuno dei possibili casi.